Fare spazio. Pratiche del comune e diritto alla città

Radiospeed.it Fare spazio. Pratiche del comune e diritto alla città Image
DESCRIZIONE

Questo libro è una ricerca sperimentale sui modelli e sulle forme di produzione del sapere, per scompaginare i confini disciplinari e quelli tra teoria e pratica politica. Ripensando il tema del diritto alla città attraverso la nozione di comune, questo volume afferma un metodo utile a problematizzare il campo del discorso giuridico e, al contempo, a ripensare la spazializzazione del diritto. Dove la produzione del diritto investe la mutevole geografia del capitalismo, l'esperienza dei commons urbani ci parla di soggettività politiche eterogenee che abitano le città e che resistono alle logiche speculative della mercificazione, del consumo e della rendita. Questa spazializzazione del capitalismo a livello globale ci porta a ripensare lo spazio stesso, la sua produzione, il suo statuto simbolico, così come la sua organizzazione a diversi livelli scalari, in particolar modo in Europa. Oltre l'ordine economico-politico, le pratiche del comune diventano così artefici di un fare spazio in cui generare nuovi usi e istituzioni.

INFORMAZIONE

AUTORE: Richiesta inoltrata al Negozio

DIMENSIONE: 7,17 MB

DATA: 2015

NOME DEL FILE: Fare spazio. Pratiche del comune e diritto alla città.pdf

Leggi il libro di Fare spazio. Pratiche del comune e diritto alla città direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Fare spazio. Pratiche del comune e diritto alla città in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su radiospeed.it.

Diritto alla città | Doppiozero

Il diritto di appropriazione riguarda invece il diritto degli abitanti della città di accedere fisicamente, occupare e usare lo spazio urbano. Lefebvre non fa riferimento qui solo allo spazio urbano esistente, ma anche al diritto di produrre nuovo spazio urbano che risponda alle esigenze dei cittadini.

Diritto alla città: cos'è e come viene applicato

Diritto alla città: il caso di Villa Giaquinto a Caserta Una riflessione sul diritto di vivere la città e prendersi cura dei suoi spazi, generando intorno ad essi comunità vive e creative in grado di restituire dignità a luoghi e persone

LIBRI CORRELATI