Coldplay: A head full of dreams, il 14 novembre al cinema.

Quasi non lo si riconosce. Sguardo da invasato, brufoli e apparecchio in bocca, l’adolescente che di fronte a una videocamera assicura che il suo gruppo diventerà “massive, absolutely huge” è Chris Martin. È uno dei vecchi video contenuti nel film di Mat Whitecross “Coldplay: A head full of dreams”. Il documentario, nelle sale cinematografiche italiane solo per un giorno, il 14 novembre, racconta l’ascesa di una band di ragazzi normali in un mondo di superstar. È anche una storia d’amicizia, giacché il regista conosce i quattro ragazzi dai tempi dell’università.

L’amicizia fra Mat Whitecross e il gruppo è una delle chiavi del successo del film. L’aspirante regista infatti era lì, videocamera in mano, quando i Coldplay non erano che ragazzini ambiziosi che speravano di diventare “enormi” nel giro di quattro anni. Dopo un periodo di silenzio, quattro anni e pochi giorni dopo ecco la band sul palco di Glastonbury.

Si passa continuamente dal racconto al presente di “A head full of dreams”, disco e tour, ovvero il punto di arrivo del processo di crescita della band, a ricordi del passato. E ce ne sono tante tantissime, selezionate da 1000 ore di girato. Il risultato? Ogni fatto è accompagnato dalle immagini giuste al momento giusto.

Il film comincia con l’audio di una telefonata fra Whitecross e Martin. Il regista chiede al cantante se ha visto il film e lui risponde di no. Anzi, non vorrebbe proprio vederlo, si limita a pregare l’amico di non iniziarlo con la scontatissima scena dei musicisti che si incamminano dal backstage verso il palco. E ovviamente “A head full of dreams” inizia proprio così e promuove subito la sua ipotesi di lavoro: Martin non è una rockstar noiosa e seriosa, ma un ragazzo pieno di voglia di musica e vita

Le performance musicali non sono messe al centro del film e del resto il documentario sarà pubblicato in DVD il 7 dicembre all’interno di un cofanetto contenente il film-concerto “Live in São Paulo”, filmato l’8 novembre 2017, e il doppio album dal vivo “Live in Buenos Aires” del 15 novembre 2017.

(Giulia B.)


Radio Speed

Nel cuore della musica, in un secondo!

Current track
TITLE
ARTIST