Caro Manzoni, cara Ghita

Radiospeed.it Caro Manzoni, cara Ghita Image
DESCRIZIONE

Il diario di Margherita Provana di Collegno, protagonista della società frequentata da Alessandro Manzoni durante il suo soggiorno sul Lago Maggiore, comincia con le notizie sulla repressione austriaca a Milano (il "Diario politico" 1852-1856 fu pubblicato postumo nel 1926: qui è selezionato l'anno 1853, insieme ad altre notazioni sparse sugli incontri con l'autore dei "Promessi sposi"). In questa cornice storica si collocano le conversazioni del quasi settantenne don Alessandro, che risiede nella villa del figliastro Stefano Stampa, con personaggi della politica e della cultura, tra i quali primeggia Antonio Rosmini, a lui carissimo. E un Manzoni "domestico" che non si nega temi forti (religione, Risorgimento, Rivoluzione francese, "questione della lingua") ma apre anche spiragli sul suo mondo intimo e segreto. Facendo mostra di una arguzia velata spesso da una pensosa malinconia.

INFORMAZIONE

AUTORE: Margherita Provana Di Collegno

DIMENSIONE: 7,86 MB

DATA: 2013

NOME DEL FILE: Caro Manzoni, cara Ghita.pdf

Leggi il libro di Caro Manzoni, cara Ghita direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Caro Manzoni, cara Ghita in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su radiospeed.it.

ghita in vendita | eBay

Aveva cinque fratelli: Maddalena, Giulia, Ercole, Caterina, Galeazzo Maria (1575-1648) Biografia. Bernardino discendeva direttamente da Achilletta Marliani e Sagramoro I (1343-1385), figlio naturale di Montanina de Lazzari e del signore di Milano Bernabò Visconti (1323-1385) che gli concesse il feudo di Brignano e fu il capostipite di questo ramo della casata.

Caro Manzoni, cara Ghita. E-book di Margherita Provana di ...

«12 agosto. Oggi si desina tardi e prima si va a Lesa a visitare Manzoni. Si parla con lui del Marchese De Negro di Genova ed egli racconta che Ermes Visconti lo definiva così: "Dio quando creò De Negro gli diede molte doti e fra queste la generosità, ma poi temendo che con ciò si rovinasse, lo fece nascere genovese per temperarla".

LIBRI CORRELATI