Droga. Storie che ci riguardano

Radiospeed.it Droga. Storie che ci riguardano Image
DESCRIZIONE

Questo è un libro che parla di droghe. E lo fa per scongiurare un grande rischio che questo tema porta con sé: che a occuparsene siano demagoghi incompetenti e spregiudicati, condizionati dalla più potente e diffusa delle droghe: quella del potere. Partendo da un'esperienza di quasi cinquant'anni - don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973 - Droga. Storie che ci riguardano affronta la complessità dell'argomento dell'uso e abuso di sostanze e degli effetti di queste sulle vite di tutti giorni. Racconta le storie umane dietro la dipendenza, denuncia il narcotraffico - il più redditizio business delle mafie - e stimola un impegno costante verso il raggiungimento di normative e metodologie di recupero che siano umane, che non puniscano ma valorizzino la dignità e la ricerca di autonomia. «Sì, le sostanze stupefacenti possono uccidere. Non solo con la siringa nel braccio, ma in modi diversi, ché pure le leggi e il carcere possono farlo quando perdono di vista l'uomo e la misura».

INFORMAZIONE

AUTORE: Luigi Ciotti

DIMENSIONE: 4,61 MB

DATA: 2020

NOME DEL FILE: Droga. Storie che ci riguardano.pdf

Leggi il libro di Droga. Storie che ci riguardano direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Droga. Storie che ci riguardano in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su radiospeed.it.

Droga | Storie che ci riguardano | Luigi Ciotti e la ...

Don Luigi Ciotti nel suo libro Droghe, storie che ci riguardano, fotografa un'Italia che cambia. Dove l'età del primo incontro con hashish o cocaina, oppio o amfetamine è in media a 14 anni, tra gli europei gli adolescenti italiani sono tra i primi posti per consumo di droghe legali e illegali.

Droga, una storia che riguarda tutti - Libera

Storie che ci riguardano di don Luigi Ciotti, che da più di quarant'anni è in prima linea sulla lotta alla droga e al narcotraffico mafioso. «Prevenzione significa corresponsabilità e reciprocità, sapere che il problema tuo è anche mio» Don Luigi Ciotti aprì il primo centro di accoglienza per tossicodipendenti in Italia nel 1973.

LIBRI CORRELATI