La buona fede in senso oggettivo

Radiospeed.it La buona fede in senso oggettivo Image
DESCRIZIONE

Il sintagma "buona fede" indica, prima facie, un fenomeno della realtà sociale ricco di coloriture etiche, ben presto acquisito, però, al diritto. Non ci volle molto perché si iniziasse a parlare di buona fede sociale e di buona fede giuridica. Era quasi inevitabile che la speculazione di giuristi e di filosofi si appuntasse su quella che prometteva di essere una questione assai spinosa: l'identità o meno di due concetti che vivono in perenne oscillazione tra distinzione e identificazione. L'equivalenza tra buona fede sociale e buona fede giuridica è stata sostenuta per il diritto romano, in età moderna e ancora sotto la vigenza del codice civile del 1865, sebbene alcuni autori, già allora, ebbero a parlare di buona fede legale, ai fini dell'applicazione dell'art. 701 allora vigente. Oggi non sembrano esservi dubbi sul processo di rielaborazione cui il diritto ha sottoposto il concetto di buona fede, ma, se si tenta di guardare anche solo un poco al di là di questa generica, e sostanzialmente corretta, affermazione, ci si accorge di quanto ostico sia stabilire il margine di autonomia di tale rielaborazione giuridica.

INFORMAZIONE

AUTORE: Fabrizio Piraino

DIMENSIONE: 2,48 MB

DATA: 2015

NOME DEL FILE: La buona fede in senso oggettivo.pdf

Siamo lieti di presentare il libro di La buona fede in senso oggettivo, scritto da Fabrizio Piraino. Scaricate il libro di La buona fede in senso oggettivo in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su radiospeed.it.

Amazon.it: La buona fede in senso oggettivo - Piraino ...

Nel significato soggettivo la buona fede fa riferimento allo stato psicologico della parte che "ignora" di ledere un altrui diritto (ed è a questa nozione cui il legislatore fa riferimento ...

La buona fede oggettiva come regola generale di ...

Come già evidenziato, la nozione di buona fede in senso oggettivo, intesa come obbligo delle parti di comportarsi con onestà e lealtà, coincide con quella di correttezza, che secondo parte della dottrina costituisce un criterio di valutazione offerto al giudice del comportamento adottato dalle parti nello svolgimento dell'obbligazione ...

LIBRI CORRELATI