La vergogna. Un'emozione antica

Radiospeed.it La vergogna. Un'emozione antica Image
DESCRIZIONE

Nella società odierna è cambiato il modo di vivere la vergogna? Tantissimo, soprattutto attraverso il web. Oggi i giovani hanno imparato che la vergogna non esiste e se c'è allora è un'emozione per "sfigati". I social network, in particolare, ci hanno insegnato a condividere tutto senza vergogna. Non c'è il pudore di mostrarsi nudi o semi-nudi. Non c'è il senso di colpa per aver aggredito qualcuno, attuando quello che prende il nome di cyberbullismo. E come vivevano le vecchie generazioni la vergogna? Cercavano di superarla! Ma è sempre un buon motivo tentare di non provare vergogna? L'autore sottolinea invece che la vergogna è un sentimento che si prova già all'età di due/tre anni. Quindi, fin da piccolissimi dobbiamo confrontarci con essa. È un'emozione con cui dobbiamo fare i conti tutti i giorni. La vergogna è utile, non solo perché ci consente di capire che abbiamo sbagliato ma anche perché ci permette di riflettere su una situazione che non vogliamo più rivivere. Ciò ci consente di evolvere. Ma di evolvere come? Attraverso gli altri.

INFORMAZIONE

AUTORE: Alessandro Meluzzi

DIMENSIONE: 8,20 MB

DATA: 2015

NOME DEL FILE: La vergogna. Un'emozione antica.pdf

La vergogna. Un'emozione antica PDF. La vergogna. Un'emozione antica ePUB. La vergogna. Un'emozione antica MOBI. Il libro è stato scritto il 2015. Cerca un libro di La vergogna. Un'emozione antica su radiospeed.it.

Civilta' Della Vergogna E Civilta' Della Colpa

Cercavano di superarla! Ma è sempre un buon motivo tentare di non provare vergogna? L'autore sottolinea invece che la vergogna è un sentimento che si prova già all'età di due/tre anni. Quindi, fin da piccolissimi dobbiamo confrontarci con essa. È un'emozione con cui dobbiamo fare i conti tutti i giorni.

LA VERGOGNA un'emozione antica

"La vergogna è un'emozione infantile non sufficientemente studiata, perché nella nostra civiltà molto presto e molto facilmente, viene confusa con il senso di colpa. Vergogna vuol dire essere completamente esposti e consci di essere osservati, in una parola autocoscienti" (Erikson, 1974,).

LIBRI CORRELATI