Dallo stesso deserto, nella stessa notte

Radiospeed.it Dallo stesso deserto, nella stessa notte Image
DESCRIZIONE

Arthur Rimbaud, il poeta maledetto (definizione coniata per primo da Paul Verlaine) è assurto a precursore e mito di tutte le ribellioni e trasgressioni, cantate con toni accesi e conturbanti nella precoce stagione della sua prodigiosa produzione poetica, consumatasi in un breve giro di anni, dai sedici ai diciannove anni d'età. Dopodiché, improvvisamente, decide di abbandonare la poesia e, dopo un periodo di vagabondaggi in vari paesi d'Europa, si trasferisce in Abissinia per dedicarsi alla professione del mercante. Questo romanzo, in cui la voce narrante è affidata alla figura di un italiano (immaginaria, ma concepita sul modello degli italiani che operavano nelle regioni dell'Africa orientale negli stessi anni della permanenza di Rimbaud in quei luoghi), si propone di restituire il Rimbaud fuori dal mito, cercando di capire le ragioni del suo rifiuto della figura del poeta maledetto e della sua stessa creazione poetica. È un rifiuto netto e senza ripensamenti, come risulterà dalla narrazione, che si avvale, principalmente, delle testimonianze e delle lettere scritte dallo stesso Rimbaud e da altre persone che lo conobbero.

INFORMAZIONE

AUTORE: Dionisio Di Francescantonio

DIMENSIONE: 3,29 MB

DATA: 2019

NOME DEL FILE: Dallo stesso deserto, nella stessa notte.pdf

Leggi il libro di Dallo stesso deserto, nella stessa notte direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Dallo stesso deserto, nella stessa notte in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su radiospeed.it.

Presentazione a Genova: Dallo stesso deserto nello ...

9788833051192 Arthur Rimbaud, il poeta maledetto (definizione coniata per primo da Paul Verlaine) è assurto a precursore e mito di tu, prezzo 15.20 euro Disponibile su LibroCo.it

Lettere dal deserto - Carlo Carretto | Monastero Clarisse ...

Un mercante compie un viaggio, e fermandosi nel deserto, inizia a pranzare, gettando i semi dei datteri nella sabbia. Al ticchettio continuo dei datteri caduti, risponde un jinn malefico, gridando furiosamente contro il mercante. Dice che con i datteri lanciati violentemente lui ha ucciso involontariamente suo figlio, e ora deve pagare il fio.

LIBRI CORRELATI