Una politica di massa. Antonio Gramsci e la rivoluzione della società

Radiospeed.it Una politica di massa. Antonio Gramsci e la rivoluzione della società Image
DESCRIZIONE

I Quaderni del carcere di Antonio Gramsci aprono una nuova stagione del pensiero politico non solo marxista, obbligandolo a confrontarsi con la "politica di massa". A partire da questa acquisizione il volume ricostruisce la rilevanza che sempre più chiaramente Gramsci conferisce alla società, in quanto luogo nel quale si diffonde, si legittima, ma anche ormai si produce l'ordine. La presenza di questo nuovo modo di affrontare il problema dell'ordine politico risulta già dall'analisi degli scritti precarcerari e soprattutto dal confronto gramsciano con le scienze sociali del suo tempo. L'uso di concetti apparentemente antinomici - organicità e rivoluzione, equilibrio e crisi, passività e attività - mostra quindi una scomposizione e ricomposizione possibile della società all'interno di una teoria politica rivoluzionaria adatta all'epoca della politica di massa. Come la scienza politica deve fare i conti con la scienza sociale, così la teoria rivoluzionaria deve porsi il problema della riproduzione costante della società. Su questo versante gli scritti gramsciani risultano eccentrici rispetto a quelli dei contemporanei pensatori marxisti, presentando uno spettro di riferimenti esterni a questa tradizione tali da conferirgli una rigogliosa vita postuma.

INFORMAZIONE

AUTORE: none

DIMENSIONE: 1,33 MB

DATA: 2015

NOME DEL FILE: Una politica di massa. Antonio Gramsci e la rivoluzione della società.pdf

Siamo lieti di presentare il libro di Una politica di massa. Antonio Gramsci e la rivoluzione della società, scritto da none. Scaricate il libro di Una politica di massa. Antonio Gramsci e la rivoluzione della società in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su radiospeed.it.

Michele Filippini - Una politica di massa. Antonio Gramsci ...

Antonio Gramsci e la Rivoluzione russa: una riconsiderazione (1917-1935) Revista Brasileira de História, vol. 37, no 76 3 di una cultura politica incentrata sul ruolo della soggettività, il fondamento di

Gramsci, Antonio in "Il Contributo italiano alla storia ...

Egli non ci trattava né ci considerava come dei semplici strumenti materiali dello sconvolgimento sociale, incapaci di assurgere a protagonisti coscienti e intelligenti della rivoluzione». E fu per mettere in moto quella pedagogia politica di massa che Gramsci, nel 1919, si inventò l'Ordine Nuovo.

LIBRI CORRELATI