Poesia non poesia

Radiospeed.it Poesia non poesia Image
DESCRIZIONE

Intorno alla metà degli anni Settanta, finita l'epoca dell'impegno e dello sperimentalismo, nella poesia italiana la coscienza storica era azzerata, si ricominciava a scrivere in un presente che non riconosceva piú nessun privilegio al passato moderno e novecentesco ed era lecito fare remunerativi o gratuiti salti all'indietro nel museo della poesia di ogni epoca (i modelli potevano essere Lucrezio o Cavalcanti, Donne o Metastasio, indifferentemente). I versi liberi, oppure rigidamente metrici. Tanti poeti, tutti poeti. Ma il prezzo da pagare è stato che la poesia oggi non è piú al centro del sistema letterario, è diventata insignificante, scarsamente letta, con valori indecifrabili. Per Alfonso Berardinelli i veri nemici della poesia oggi sono diventati i poeti, che scrivono con faciloneria, protetti dalla nobiltà del genere letterario. La poesia oggi va difesa da se stessa, cioè da tutto ciò che l'ha resa omologa al mondo culturale cosí com'è. I poeti devono rifiutarsi di sentirsi garantiti nominalmente dalla tradizione della poesia, da quel genere nobile che garantirebbe, senza riscontri nei testi, eccellenza.

INFORMAZIONE

AUTORE: Alfonso Berardinelli

DIMENSIONE: 2,55 MB

DATA: 2008

NOME DEL FILE: Poesia non poesia.pdf

Leggi il libro di Poesia non poesia direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Poesia non poesia in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su radiospeed.it.

Non gridate più, poesia di Ungaretti

Amai Poesia di Umberto Saba. Non a caso il poeta intitola il suo testo Amai e pone tale verbo all'inizio di tutte e tre le strofe. La lirica, infatti, è il canto di un vero innamorato delle parole, delle rime, delle possibilità espressive racchiuse in esse, della loro capacità di portare alla scoperta e comunicare la verità che abita nell'interiorità del suo animo e che solo il cuore ...

Non è poesia - Wikitesti

La poesia si aggrappa a concetti interni, del nostro io, che solo noi possiamo comprendere, mentre chi legge una delle nostre poesie può solo intravedere la nostra calligrafia, niente di più. La poesia è libertà, ci libera da ciò che ci opprime e resta chiuso, tra la prima e l'ultima lettera, tra il primo e l'ultimo punto.

LIBRI CORRELATI