Centurio

Radiospeed.it Centurio Image
DESCRIZIONE

«Il tuo grado ti imporrà la solitudine, che sarà per il tuo spirito quello che il cibo è per il tuo corpo». 80 a.C. Caio Emilio Rufo è una recluta che milita nelle coorti di Lucio Cornelio Silla, durante la guerra civile che sta dilaniando la Repubblica. È un giovane idealista inesperto, non ancora diventato uomo. Dalle vette innevate dei Pirenei alle battaglie navali al largo delle coste dell'Africa, Caio Emilio si addestra a combattere le legioni del più astuto e acerrimo nemico di Roma, uno dei più grandi comandanti di tutti i tempi: Quinto Sertorio, parente e fedele generale di Caio Mario. Nell'assolata Spagna romana, popolata da genti fiere e bellicose, Emilio affronta le prove che questa odiosa guerra gli impone tra guardie, scorte, battaglie, assassinii, tradimenti e agguati. Subisce le angherie del suo spietato centurione e in cuor suo riconosce il valore dei nemici che sta combattendo, vessati dagli abusi della dominazione romana. Schiacciato dalla sorte avversa, senza più nulla in cui sperare, Caio Rufo attraversa il mare e giunge nei roventi deserti della Mauritania; lì, con la gola riarsa e la pelle scottata dal sole, incontra il nemico che era stato addestrato a uccidere. Emilio capisce che il destino che l'ha condotto fino a quel punto l'ha reso più forte, tanto forte da fargli intraprendere un nuovo viaggio, che lo condurrà tra le file degli Immortali.

INFORMAZIONE

AUTORE: Massimiliano Colombo

DIMENSIONE: 1,64 MB

DATA: 2018

NOME DEL FILE: Centurio.pdf

Leggi il libro di Centurio direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Centurio in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su radiospeed.it.

Centurio - Newton Compton Editori

Centurio. Massimiliano Colombo. € 4,99 € 1,99 eBook € 1,99 Centurio; Massimiliano Colombo: 9788822713025 Cop. rigida € 4,90 ...

Traduzione Paragrafo 50, Libro 7, De Bello Gallico

Marcus Petronius, eiusdem legionis centurio, cum portam excidere conatus esset, a multitudine oppressus ac sibi desperans, multis iam vulneribus acceptis manipularibus suis, qui illum secuti erant, «Quoniam» inquit ("disse") «me una vobiscum servare non possum, vestrae quidem certe vitae prospiciam, quos cupiditate gloriae adductus in periculum ...

LIBRI CORRELATI