Simboli, tra conoscenza e destino

Radiospeed.it Simboli, tra conoscenza e destino Image
DESCRIZIONE

I simboli non hanno tempo, evolvono mantenendo la loro purezza originaria e si svelano offrendo all'osservatore la possibilità di conoscere se stesso, le sue origini e il suo destino. Ogni ricerca interiore presuppone un intimo legame tra pensiero e materia, un legame rafforzato dai simboli, che agiscono come uno specchio, riflettendo la coscienza del ricercatore. Ricchi di significati metafisici, psicologici e pratici, i simboli creano ponti tra il cielo, la terra e gli inferi, ma mostrano anche le strade che ognuno percorre nel corso della vita. E nella vita si può procedere in maniera casuale, sospinti dai venti dell'esistenza, oppure in maniera intenzionale. L'alchimista è un ricercatore che esce consapevolmente dai limiti del proprio mondo e si incammina per altre vie, che gli permettano di essere il meglio di ciò che è. Il pendolo, il caduceo, la spirale, la croce, l'Albero della Vita, l'Albero Cosmico norreno, l'Albero degli Eroi e l'Opera alchemica, sono alcuni dei simboli che incontrerete in questo libro.

INFORMAZIONE

AUTORE: Samantha Fumagalli,Flavio Gandini

DIMENSIONE: 3,75 MB

DATA: 2019

NOME DEL FILE: Simboli, tra conoscenza e destino.pdf

Leggi il libro di Simboli, tra conoscenza e destino direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Simboli, tra conoscenza e destino in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su radiospeed.it.

Simboli, tra conoscenza e destino - Libreria Montalbano

Dopo aver letto il libro Simboli, tra conoscenza e destino di Flavio Gandini, Samantha Fumagalli ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L'opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall'acquisto ...

Amazon.it:Recensioni clienti: Simboli, tra conoscenza e ...

Il simbolo è un elemento indissolubile della percezione anche nel linguaggio scientifico, che è sempre un simboleggiamento, cioè una designazione dei dati empirici entro una prospettiva. Ma se così Cassirer rivaluta la funzione del simbolo, d'altro canto esautora la conoscenza simbologica per eccellenza, che chiama ‟mitica".

LIBRI CORRELATI